Pierpaolo Addesi
Ciclismo

Pierpaolo Addesi, nasce in provincia di Como, a Mariano Comense il 29 giugno del 1976 ed è un’atleta di Ciclismo Paralimpico. La sua passione è lo sport e in modo particolare il ciclismo nonostante soffra, fin dalla nascita, di una Focomelia all’avambraccio sinistro, una malformazione congenita per cui gli arti non sono completamente sviluppati. Pierpaolo è ancora molto piccolo quando indossa la sua prima protesi. Un amore di famiglia, il ciclismo: i fratelli erano tutti ciclisti e lui, appassionato e tifoso, invece di rimanere a guardare, un po’ per orgoglio un po’ per riscatto, decide che può pedalare come gli altri e nel 2003 si tessera nella categoria C5.

Nel 2005, in una prova Mondiale amatoriale a Roseto degli Abruzzi (Te), viene notato dal Ct della Nazionale Italiana, Mario Valentini, e convocato per i Campionati Italiani a Marconia: una medaglia di bronzo su strada e tanta speranza per una carriera ricca di risultati ottimi sportivi. Pochi mesi dopo arriva anche la prima convocazione continentale: gli Europei in Olanda. L’anno successivo partecipa allatappa di Coppa del Mondo di Correzè, in Francia che gli regala la sua prima medaglia, un argento. Pochi mesi dopo, Pierpaolo Addesi chiude la stagione portando a casa la maglia iridata di Campione Mondiale Medio Fondo 2006.

Ma è nel 2007 che Pierpaolo si rende conto del sapore della vittoria: una nuova stagione di gare e di campionati italiani, con buoni piazzamenti quali un bronzo nella gara a cronometro, un argento e un bronzo su pista che gli permettono, a giugno 2007, di vincere e agguantare una medaglia d’oro e diventare Campione Italiano su strada ai Campionati Italiani a Bondeno (Fe). Ai Mondiali di Bordeaux 2007, in Francia gareggia in due prove: crono e strada ed arriva rispettivamente all’ 8°e al 5° posto e, per concludere in bellezza, conquista una medaglia di bronzo su strada e un argento sulla corno ai Giochi Paralimpici Panamericani, in Colombia.

Nel 2008 Pierpaolo Addesi partecipa ai Giochi Paralimpici di Pechino, in Cina ed arriva 7° nella gara di inseguimento su strada. L’anno successivo, ai Mondiali di Bogogno 2009, in Italia sfiora il podio nella gara su strada fermandosi al 4° posto. Nel 2011 conquista altri due importanti piazzamenti: ai Mondiali di Roskilde, in Danimarca porta a casa un 6° posto e alla tappa di Coppa del Mondo a Sydney 2011, in Australia si aggiudica una medaglia di bronzo su strada.

L’anno successivo è un anno particolare per Pierpaolo, fatto di soddisfazioni ma anche di un amara esclusione: dopo il 4° posto su strada ai Mondiali di Baie Cameau, in Canada, si qualifica per le Paralimpiadi di Londra 2012, in Gran Bretagna. Pierpaolo vola verso Londra ed un giorno prima dell’inizio delle gare viene sospeso dall’Anti-doping per dei valori nelle analisi del sangue sospetti. Analisi che poi furono smentite. Nel 2013, dopo aver pensato di smettere per lo spiacevole accaduto, si conferma di nuovo Campione Italiano vincendo un oro su strada aiCampionati Italiani a Verolanuova, a Brescia, insieme alla medaglia d’argento nella gara a Cronometro. Risultati che ripete anche l’anno successivo ai Campionati Italiani a Olgiate Olona 2014, nel Varese, così come nel 2015, anno in cui partecipa anche alla Tappa di Coppa del Mondo di Maniago 2015, in Italia e conquista un argento su strada.

Tutti questi risultati, la tenacia di Pierpaolo Addesi e l’aiuto delle persone care sempre costante, gli hanno permesso di qualificarsi per le Paralimpiadi di Rio 2016 e di sperare nella conquista della sua prima medaglia paralimpica.