Emanuela Romano
Nuoto

Emanuela Romano, classe 1990, atleta nazionale di Nuoto Paralimpico, è pluriprimatista italiana nei 50 mt, 100 mt e 400 mt stile libero categoria S6. Di origini senegalesi, da piccola viene adottata da una famiglia napoletana; a 11 anni inizia a nuotare come terapia per la sua disabilità, un’artogriposi congenita che le non le fa sviluppare bene i muscoli delle gambe dal ginocchio in giù. Sotto il consiglio dei medici, Emanuela pratica tre allenamenti a settimana, fino a quando non conosce Enzo Allocco, allenatore della società “ASD Nuotatori Campani” che la fa entrare a pieno titolo nel mondo Paralimpico.

Da subito Emanuela si è distinta nel panorama italiano ed a soli 16 anni arriva la sua prima convocazione in azzurro: partecipa ai Mondiali di Durban 2006, in Sudafrica e si aggiudica un 13° posto nei 50 mt stile libero, un 8° posto nei 100 mt stile libero, un 5° posto nei 400 mt stile libero ed un 11° posto nei 100 metri dorso. Ai Mondiali di Eindhoven 2010, nei Paesi Bassi migliora le sue prestazioni nei 100 mt stile libero dove si ferma al 5° posto; inoltre gareggia nei 400 mt e nei 50 mt stile libero, conquistando rispettivamente un 6° posto e un 15° posto.

L’anno dopo arriva anche la prima competizione continentale per Emanuela Romano: agli Europei di Berlino 2011, in Germania si classifica 6°, 11° e 7° rispettivamente nei 100 mt, nei 50 mt e nei 400 mt stile libero. Piazzamenti che le consentono di qualificarsi per le Paralimpiadi di Londra 2012, in Gran Bretagna, dove, reduce da un intervento di appendicite, riesce comunque ad arrivare in finale nei 100 mt dorso fermandosi al 7° posto e nei 400 mt e 100 mt stile libero dove ottiene un merito 5° posto.

Il 2013 segna l’anno della svolta a livello internazionale e l’arrivo delle prime medaglie con la nazionale ai Mondiali di Montreal, in Canada: nei 400 mt stile libero si ferma ad un passo dal podio, in 4° posizione; conquista poi due medaglie d’argento nei 100 mt stile libero e nella staffetta 4×50 mt stile libero insieme a Giulia Ghiretti, Arjola Trimi e Stefania Chiarioni ed infine si classifica campionessa mondiale nei 50 mt stile libero, conquistando la sua prima medaglia d’oro in azzurro.

Nel 2014 si ferma per via di un infortunio ma ai Mondiali di Glasgow 2015, in Scozia Emanuela Romano torna in vasca: 4°posto nella staffetta 4×50 mt stile libero, due 6° posti nei 400 mt e nei 100mt stile libero e un 7° posto nei 100 mt rana dove firma il Record Italiano con il tempo di 2’02″07. Prestazioni che migliora, confermando la sua voglia di arrivare sempre più lontano, agli Europei di Funchal 2016, in Portogallo: 4° posto nei 100 mt stile libero e nei 100 mt dorso dove stabilisce il nuovo Record Italiano con 1’33″55, 9° posto nei 100 mt rana, 5° e 6° posto nei 50 mt e 400 mt stile libero e una medaglia d’argento con la staffetta 4×50 mt stile libero mixed dove Emanuela Romano, insieme a Vincenzo Boni, Arjola Trimi e Valerio Taras, ha siglando anche il Record Italiano con il tempo di 2’33″61.

Grazie a tutti questi piazzamenti Emanuela è pronta per volare in Brasile e provare ad ottenere anche la sua prima medaglia olimpica ai Giochi Paralimpici di Rio De Janeiro 2016.